Festival d’autunno

Festival d’autunno – Roma 2000

Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dipartimento dello Spettacolo, Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali Dipartimento Cultura e Spettacolo, Ente Teatrale Italiano, Teatro di Roma, Cadmo per ‘Le vie dei Festival’

Le altre sezioni

Il Festival d’Autunno costituisce un’originale forma di incontro tra soggetti pubblici ( Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Comune di Roma, Ente Teatrale Italiano, Teatro di Roma) e privati (Associazione Cadmo).
Oltre a Le vie dei Festival comprende altre sezioni.
Percorsi Internazionali, curata dall’Ente Teatrale Italiano, che sviluppa in maniera organica il tema della pedagogia teatrale con particolare attenzione ai classici intesi come guide ideali.
Quest’anno in programma il saggio conclusivo dell’ École des Maîtres con Il gabbiano di Cechov sotto la direzione di Eimuntas Nekrosius; Anatolij Vasil’ev con il suo ultimo spettacolo A. S. Puškin “Mozart e Salieri / Martynon Requiem”; il coreografi Gennadi Abramov con Branco e il letto; il gruppo di giovani artisti inglesi Frantic Assembly con Hymns; Sakrificë, il saggio conclusivo de I Porti del Mediterraneo con la direzione artistica si Marco Baliani. La conclusione del programma è dedicata al ricordo di Eduardo in una serata curata da Armando Pugliese dal titolo Tavola tavola, chiodo chiodo…
La sezione curata dal Teatro di Roma prevede tre appuntamenti: Figlie di Ismaele nel vento e nella tempesta di Assia Djebar; In-vulnerabilita d’Achille di Carmelo Bene; Sik-Sik l’artefice magico di Eduardo De Filippo e Le nozze di Anton Cechov entrambi con la regia di Carlo Cecchi

 

Loading