22 ottobre 2014

Roma via Alessandrina
22 ottobre ore 18

AFR_5225_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5218_ph.Attilio_Ulisse

 

Giovanna Marinelli @red forest flashmob

AFR_5221_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5222_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5236_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5231_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5230_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5233_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5247_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5253_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5257_ph.Attilio_Ulisse

AFR_5227_ph.Attilio_Ulisse

Le Vie Dei Festival sostiene il Belarus Free Theatre

La presentazione dello spettacolo Red Forest del Belarus Free Theatre, in programma al Teatro
Vascello per Le Vie dei Festival il 21 e il 22 ottobre, ci da l’occasione per sostenere la

RED FOREST CAMPAIGN
battiamoci per il futuro

una campagna di sensibilizzazione ambientale in opposizione a sistemi pericolosi nella produzione di energia.
Mercoledì 22 ottobre, alle ore 18.00, lungo Via Alessandrina, strada che corre parallela ai Fori Imperiali, uno dei luoghi-simbolo della Capitale, avrà luogo un flash mob a tutela dell’ambiente: un drappo rosso di 400 metri verrà srotolato e portato dagli attori della compagnia – ai quali si uniranno gruppi di attivisti ambientali, studenti e semplici cittadini – a tracciare una simbolica linea rossa contro la ricerca e lo sfruttamento delle risorse energetiche – come il fracking – che non tengono conto dei gravi rischi per l’ambiente.

TUTTA LA CITTA’ E’ INVITATA A PARTECIPARE

Che cos’è il fracking?

Il fracking o fatturazione idraulica è un processo per estrarre gas naturale dal terreno (o dai fondali marini). Per rompere la roccia, viene pompata dell’acqua trattata chimicamente insieme a sabbia, liberando così il gas naturale intrappolato sotto terra.
Il TTIP è un importante accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziazione a porte chiuse tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America che vorrebbe abbassare il livello di sicurezza delle normative ambientali in vigore nell’UE ed equipararle agli standard americani che sono molto più bassi. In questo modo diverrebbero praticabili forme di produzione di energia poco sicure e inquinanti, come appunto il fracking, o verrebbe “ammorbidita” la normativa che regola la costruzione di nuovi impianti.

E’ importante fare sentire la propria voce per evitare che vengano approvate norme che possono rappresentare una seria minaccia per l’ambiente e, quindi, per la salute stessa dei cittadini.

 

Che cos’è la Campagna Red Forest del Belarus Free Theatre

Il disastro di Chernobyl nel 1986 ha investito il 90% del territorio bielorusso, colorando di rosso tutte le foreste. La Red Forest Campaign è nata per opporsi alla costruzione di un nuovo impianto nucleare in Bielorussia – a Ostravets – al confine con la Lituania e con l’area dei paesi UE. Molti temono un’altra Chernobyl. Il progetto sta andando avanti senza alcun rispetto dei requisiti di sicurezza internazionali, violando molte norme ambientali in vigore nell’UE, ma è stato deciso ed è sostenuto dal dittatore bielorusso, Alexander Lukashenko, che bolla come “nemici dello stato” tutti coloro che si oppongono alla costruzione del nuovo impianto.
Gli esperti internazionali concordano sul fatto che il progetto ha molte lacune e che rappresenta una reale minaccia per le popolazioni che vivono in un raggio di 300 chilometri: la capitale della Lituania, Vilnius, si trova a soli cinquanta chilometri a ovest di Ostravets.

NOTE

[1] Per informazioni sulla Compagnia ‘Belarus Free Theatre’ :
www.belarusfreetheatre.com

[2] Per maggiori informazioni su ‘Red Forest’ Campaign:
http://www.belarusfreetheatre.com/productions/redforestcampaign/

[3] Per maggiori informazioni su altre iniziative:
www.asud.net
www.nofracking.it

Loading